250 views

L’efficacia probatoria della posta elettronica

- 14 Marzo 2024

Abstract

Le sentenze in commento hanno ad oggetto controversie nascenti dalla mancata ricezione di un messaggio di posta elettronica: nel caso del Tribunale di Milano si tratta di una e-mail ordinaria tramite la quale la convenuta informava parte attrice sulle disposizioni della merce; nel caso della Corte d’Appello di Napoli, invece, la mancata ricezione è riferita aduna PEC contente una notifica di un decreto ingiuntivo. 

Analizzando i criteri su cui si fonda la paternità di una e-mail ordinaria e quali sono gli oneri e gli obblighi gravanti sui titolari di una casella PEC e sui loro gestori, il presente contributo intende esaminare e poi confrontare i riflessi di questi due metodi di comunicazioni in ambito probatorio.

SOMMARIO: 1. Due recenti riscontri giurisprudenziali. 2. La “paternità” della e-mail ordinaria e la “sottoscrizione elettronica”. 3. La posta elettronica certificata come metodo di notifica. Oneri e obblighi gravanati sui titolari di una casella PEC e sui loro gestori. 4. I riflessi probatori: l’e-mail ordinaria. 5. (segue): la PEC. 6. Spunti finali di comparazione. 

*Il contributo ha superato con esito favorevole la valutazione anonima da parte di un revisore scelto tra i membri del comitato di valutazione/scientifico ovvero da un revisore esterno da questi indicato e confluirà nel numero 2 del 2024. 

Citazione del contributo:

A. Prandi, L’efficacia probatoria della posta elettronica, in De Iustitia, 2, 2024.

- Published posts: 178

webmaster@deiustitia.it

Leave a Reply
You must be logged in to post a comment.