304 views

Il riparto di competenze tra Stato e Regioni nella valorizzazione dei beni culturali

- 26 Luglio 2023

Abstract

Il saggio si propone di indagare il nuovo assetto costituzionale di riparto delle competenze in materia di patrimonio culturale, basato sulla principale distinzione tra le materie di tutela e valorizzazione, emersa con maggior chiarezza dopo la riforma del Titolo V della Costituzione e l’intervento del legislatore con l’introduzione del Codice dei beni culturali. A tali innovazioni, tuttavia, hanno fatto seguito le necessarie pronunce della Corte costituzionale che hanno contribuito in modo incisivo a definire e circoscrivere gli ambiti di tali materie. Si propone, inoltre, di analizzare la materia della valorizzazione secondo i principi di sussidiarietà verticale e orizzontale, nonché osservare il ruolo che l’Unione europea ha ricoperto per la sua realizzazione, attraverso l’introduzione di principali novità, tra cui gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) in materia di finanziamento degli interventi per la tutela e valorizzazione dei beni culturali.

SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Riparto di competenze tra stato e regioni tra tutela e valorizzazione: il ruolo dirimente della corte costituzionale. 3. La valorizzazione: un ecosistema che coopera per le future generazioni. 3.1. Il PNRR tra le fonti di finanziamento principalmente rilevanti per la valorizzazione del patrimonio culturale. 4. Considerazioni conclusive.

*Il contributo ha superato con esito favorevole la valutazione anonima da parte di un revisore scelto tra i membri del comitato di valutazione/scientifico ovvero da un revisore esterno da questi indicato e confluirà nel numero 3 del 2023. 

Leggi l’articolo

Citazione del contributo:

M. Barbato, Il riparto di competenze tra Stato e Regioni nella valorizzazione dei beni culturali, in De Iustitia, 3, 2023.

- Published posts: 178

webmaster@deiustitia.it

Leave a Reply
You must be logged in to post a comment.